Finger Food/ Ricette Pugliesi

Taralli pugliesi

I Taralli pugliesi possiamo definirli patrimonio dell’umanità che dite? Sono una snack pericoloso (ovviamente in senso più che buono) per certi versi perchè uno tira l’altro.

 E’ un prodotto tipico della mia amata regione la Puglia e sono il sole pugliese.

Sono fatti da prodotti semplici come farina olio extravergine vino bianco ed aromi come ad esempio i semi di finocchio.

Devo dire la verità è una procedura un pò lunga ma verrete ripagati dalla loro bontà.

La mia ricetta è questa la prepariamo insieme?

                            taralli pugliesi

Taralli pugliesi

Ingredienti

500 g di farina

150 g di olio extravergine

180-200 g di vino bianco secco

12 g di sale fino

semi di finocchio

Preparazione

Dobbiamo avere il vino a temperatura ambiente, altrimenti lo intiepidiamo leggermente, In una planetaria oppure su una spianatoia mettiamo la farina, il sale, i semi di finocchio e l’olio, cominciamo a lavorare l’impasto aggiungendo pian piano il vino bianco fino a quando l’impasto lo richiederà, ve ne accorgerete quando il tutto sarà diventato omogeneo e no troppo duro, lasciamolo riposare per almeno 30 minuti.

Trascorso il tempo prendete l’impasto,prelevate dei piccoli pezzi e cominciate a formare dei cordoncini, scegliere la grandezza desiderata e chiudere le due estremità, così avrete formato i taralli, comunque posso suggerirvi di non farli troppo spessi perchè ci impiegherebbero troppo a cuocere.

Nel frattempo portate a bollore una pentola d’acqua, inseriamo pochi taralli per volta e man mano che saliranno a galla preleviamoli con una schiumarola e poggiamoli su un cannovaccio ad asciugare leggermente.

Dopo aver terminato questa operazione riscaldiamo il forno a 200°circa, mettiamo i taralli su una placca foderata con carta forno e cuociamoli per 25-20 minuti circa, i tempi sono molto indicativi perchè ovviamente dipende dalla grandezza dei taralli e da quanto è forte il vostro forno, comunque devono diventare dorati.

 

Se vi è piaciuta questa ricetta allora provate anche questa

Seguitemi anche sulla mia pagina Facebook ed Instagram

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply